Il lato oscuro delle spezie

Il lato oscuro delle spezie
Le spezie possono, come tutte le sostanze, provocare fenomeni allergici che spesso rimangono non diagnosticati e sottovalutati.
Esse oggi sono ampiamente utilizzate nell’alimentazione ma anche nei cosmetici, nei farmaci e nei prodotti per l’igiene. I sintomi della reazione allergica possono essere respiratori come rinite, tosse, broncospasmo fino ad attacchi asmatici veri e propri.
Possono essere gastrointestinali, dalla semplice nausea, al vomito fino alle coliche addominali se le spezie sono inalate o ingerite.
Se vi è un contatto cutaneo, possono scatenare eczemi, prurito, congiuntivite e gonfiore di bocca e lingua.

La diagnosi di allergia alle spezie è piuttosto difficile se non vi è una correlazione diretta tra sintomo e spezia anche perché spesso si utilizzano delle miscele, per questo è difficile stabilire da soli quale sia l’aroma che ha scatenato la reazione allergica. Inoltre, si è più portati a focalizzarsi sui cibi che non su condimenti e spezie utilizzati. La diffusione dell’uso delle spezie che c’è stata negli ultimi anni, ha incrementato il problema e si stima che il 3% della popolazione mondiale soffra d’allergia a una o più spezie.
Secondo i medici, le spezie che più comunemente stimolano il sistema immunitario sono la cannella, il pepe nero e la vaniglia e inoltre i soggetti già allergici a piante come la betulla e l’artemisia corrono il rischio di esserlo anche ad alcune spezie.
Mentre per i prodotti cosmetici si è garantiti dalle etichette che attestano l’aggiunta di profumi e d’ingredienti speziati, le spezie per uso di cucina non sono sottoposte a nessuna norma, e si possono comprare dappertutto, dal supermercato, all’erborista o via internet. Il suggerimento degli allergologi è quello di fare sempre attenzione alle etichette dei prodotti e, in particolare se si è allergici di essere sempre attenti alla possibilità che le diciture siano ingannevoli. Per esempio la polvere delle cinque spezie può arrivare ad averne sette, mentre il pimento (anche chiamato Allspice) ne contiene una sola. Tra l’altro, è bene ricordare che miscele con nomi simili o identici non hanno necessariamente uguali ingredienti e che esistono diversi tipi di curry, ciascuno frutto di un mix di spezie differenti.

L’unico modo per avere la certezza di essere allergici è eseguire i test per le intolleranze alimentari. Nell' attesa di conoscere i risultati sarà meglio sospendere l’uso di qualsiasi prodotto contenente spezie.

Particolare attenzione va posta nei confronti dei bambini. Esiste un “registro” delle allergie alimentari rare in età pediatrica, messo a punto dalla Società italiana di allergia pediatrica, che può fornire indicazioni importanti a genitori e pediatri in caso di sospetto di allergia alle spezie da parte di bambini. Esistono, infatti, rarissimi casi di reazioni anafilattiche severe che possono mettere in pericolo la loro vita e occorre non farsi trovare impreparati.

Cerca tra le Ricette

Contatti

mf-bianco

MilanoForward Sas
Via Osoppo 13
20148, Milano

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.milanoforward.com
www.foodcreativity.it

S5 Box