Spice Park indiani

Inaugurazione del Guna Park
L’India è il primo produttore, consumatore ed esportatore di spezie nel mondo. Essa produce circa 65 tra spezie ed erbe.
Detiene il 48% della quota di mercato (circa 500.000 tonnellate) e il 43% in valore (circa 1.200 milioni di dollari).
Nel mercato mondiale delle spezie la concorrenza è sempre più agguerrita e, oltre che sui prezzi, si gioca sulla qualità e sulla sicurezza sanitaria dei prodotti. Per penetrare i mercati europei e statunitensi occorre adeguarsi agli standard internazionali sempre più severi.
Per migliorare le proprie produzioni e nel contempo incrementare le quantità, in India alcuni anni fa, sono state create delle zone industriali chiamate “Spice park”. Organizzate a livello regionale consentono di raccogliere in un solo luogo tutti i processi collegati alle spezie: dalla coltivazione alla raccolta, lavorazione, selezione, controllo e analisi chimico-fisica, selezione e polverizzazione, immagazzinaggio e spedizione delle spezie.

L’obiettivo che si è posto il Ministero del commercio indiano è quello di aumentare le coltivazioni di spezie coinvolgendo i piccoli produttori locali che, per le esigue quantità prodotte, non riescono ad essere remunerati correttamente (spesso arrivano a guadagnare solo 1-2 dollari ogni chilo di spezie raccolte). Sono state scelte aree particolari nelle quali già si coltivava una determinata spezia, sono state migliorate o create nuove infrastrutture come strade, ponti, forniture d’acqua e stazioni d’energia che sono indispensabili per agevolare la nascita di questi centri. Sono stati creati capannoni dove è possibile eseguire ogni fase di lavorazione della singola spezia dopo il raccolto fino all’imballaggio e alla spedizione. Ulteriore obiettivo del governo era quello di migliorare il livello di cultura locale organizzando corsi e programmi di training sulle varie fasi di lavorazione fino a quella riguardante la sicurezza dei prodotti e il miglioramento della qualità.

Sono state coinvolte le aziende che lavorano nel settore offrendo condizioni agevolate per installare le loro attrezzature e avviare le lavorazioni. Gli  agricoltori locali sono stati invitati ad avvalersi di tutte queste strutture a prezzi agevolati ed sono stati aiutati a interfacciarsi direttamente con i compratori che esporteranno poi i prodotti creando una filiera più corta di quella normalmente utilizzata che di solito prevede le figure dei collettori di spezie, dei grossisti, e dei mediatori che intrattengono i rapporti con le multinazionali.

I primi 9 Spice park

Il progetto prevedeva la costruzione di 10 Spice park e, ad oggi,  9 sono già funzionanti nelle seguenti aree:
- Chhindwara, Madhya Pradesh: aglio e peperoncino  
- Puttady, Kerala: pepe e cardamomo
- Guntur, Andhra Pradesh: peperoncino  
- Sivaganga, Tamil Nadu: curcuma, peperoncino e coriandolo
- Jodhpur, Rajasthan: cumino, coriandolo
- Mehsana Gujarat: cumino, coriandolo e finocchio
- Kota Rajasthan: coriandolo, cumino
- Guna Madhya Pradesh: coriandolo e fieno greco.  
- Rae Bareli, Uttar Pradesh: menta (erba aromatica)

Cerca tra le Ricette

Contatti

mf-bianco

MilanoForward Sas
Via Osoppo 13
20148, Milano

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.milanoforward.com
www.foodcreativity.it

S5 Box